domenica 12 aprile 2009

La vita di Konstantin Stanislavskij. Dalle primissime esperienze teatrali alla fondazione del Teatro d’arte di Mosca.

L’esperienza teatrale di Stanislavskij  e del  Teatro d’arte di Mosca è una delle più importanti della storia del teatro di regia ma anche della storia del teatro in generale. Sulla scia delle innovazioni della compagnia dei Meininger il lavoro di Stanislavskij e Dancenko (cofondatore del teatro) produsse numerosi e importanti  cambiamenti nel mondo teatrale e in una serie di  articoli mi propongo di affiancare la vita di Stanislavskij e quella del Teatro d’arte di Mosca e di evidenziare i motivi di tale decisiva importanza, cercando anche di esorcizzare alcuni luoghi comuni che gravano sulla figura di Stanislavskij. Questo argomento verrà diviso in diverse parti perché non è possibile esaurire un discorso così importante nello spazio di un unico post. La divisione può inoltre servire per una più facile comprensione della materia trattata.

Konstantin Sergeevič Alekseev in arte Stanislavskij nacque a Mosca il 5 gennaio del 1863 da una famiglia benestante e attenta all’educazione culturale dei figli. Il padre era un’industriale che fabbricava canutiglia d’oro e broccato mentre la madre discendeva da un’importante attrice. Il principale “imprinting teatrale” Stanislavskij lo ricevette proprio grazie alla famiglia che educava con assiduità i propri figli al teatro e alla musica facendogli frequentare fin da bambini il circo, il teatro dei burattini, il balletto e più tardi il teatro di prosa e l’opera. Quando tornavano a casa la fascinazione era tale che i fratelli iniziarono ad imitare ciò che vedevano sul palcoscenico fino a creare spettacoli veri e propri che attirarono l’attenzione del vicinato.


Le primissime esperienze teatrali di Stanislavskij.

Nel 1877 Stanislavskij (quattordicenne) fondò con i suoi fratelli un teatro di dilettanti, il Circolo Alekseev, rappresentando commedie musicali e operette in due teatrini costruiti nella loro villa di campagna e in quella di Mosca. Stanislavskij era attore e coordinatore degli spettacoli e già da allora manifestava una particolare cura nella realizzazione degli spettacoli. Uno di questi ebbe anche successo, Mikado di Gilbert e Sullivan. Il circolo Alekseev divenne la compagnia di dilettanti più apprezzata a Mosca e cessò la sua attività nel 1887, quando i suoi membri ormai adulti si indirizzarono verso altre attività (al contrario di Stanislavskij naturalmente)

Nel 1885 Stanislavkij fu uno dei cinque direttori (gli altri erano Taneev, Čajkovskij, Jurgenson e Tret’jakov) della Società musicale russa. In questo periodo iniziò a frequentare una scuola di recitazione, prese lezioni di canto vagheggiando una carriera da cantante lirico e si impegnò in numerosi spettacoli filodrammatici in diversi circoli e associazioni.

 

Verso il professionismo.

Nel 1888 fonda la Società d’arte e letteratura che si può definire come un centro culturale eclettico al cui interno iniziò ad agitarsi anche un’attività teatrale semiprofessionistica. Misero in scena drammi di Puškin, di Shiller, di Ostrovskij e Stanislavskij curò la regia di I frutti dell’istruzione di Tolstoj, Il villaggio di S. e i suoi abitanti da Dostoevskij, Otello di Shakespeare (solo per citarne alcuni).

Nel luglio del 1889 sposò l’attrice Marija Lilina Perevoščikova.

Una data fondamentale è il 1890 in cui avvenne l’incontro illuminante con gli spettacoli della compagnia dei Meininger nella loro seconda tournée a Mosca. Stanislavkij seguì tutti gli spettacoli e li definì come “un nuovo genere di messinscena che teneva conto della fedeltà storica dell’epoca, con grandi scene di massa, un bellissimo allestimento teatrale, una meravigliosa disciplina e tutta l’armonia di una grandiosa festa dell’arte. Io non perdevo un solo spettacolo e non mi limitavo soltanto a guardare: studiavo” (da La mia vita nell’arte).

Della compagnia dei Meininger ammirò soprattutto la grande disciplina imposta dal regista-despota Chronegk che obbligava gli attori ad un ferreo rispetto degli orari delle prove (un assurdità per l’epoca), al divieto di modificare il testo o le indicazioni del regista.

Chronegk fu un po’ il modello di regista a cui Stanislavskij si ispirò durante questi primi anni di attività teatrale e quando assume la totale responsabilità dell’allestimento degli spettacoli presso la Società d’arte e letteratura si comporta come un vero regista-despota: decide il repertorio, sceglie gli attori con molta attenzione, dirige le prove con molta cura e maniacale sensibilità per il dettaglio, nelle scene d’insieme supera lo stesso Chronegk attribuendo una minuziosa partitura di azioni ad ogni comparsa, gli attori devono recitare seguendo i principi di semplicità e autenticità tipici del naturalismo e per la prima volta nelle messe in scena russe si girano le spalle al pubblico.

Durante questi anni Stanislavkij divenne il regista più moderno e originale di Mosca attirando l’attenzione del drammaturgo, critico letterario e insegnante Vladimir Ivanovič Nemirovič-Dancenko, pronto ad intraprendere una radicale riforma del teatro russo.

 

L’incontro con Nemirovič-Dancenko. 22 giugno 1897.

Avviene così lo storico e leggendario incontro tra Stanislavskij e Dancenko, in un ristorante di Mosca il 22 giugno del 1897. La conversazione durò diciotto ore durante le quali vennero gettate le basì della futura riforma e si decide la creazione di un teatro professionale, il Tetro d’arte di Mosca. Questo fu un momento storico di grande importanza e un evento determinate per la storia del teatro. Nel prossimo articolo tratterò più affondo sia la figura di Nemirovič-Dancenko, che viene sempre sottovalutata a causa dell’imponente presenza di Stanislavskij e parlerò anche del loro incontro, di come avvenne e di ciò che si dissero.

Fine della prima parte.

Seconda parte.

Condividi questo articolo su facebook Condividi su Facebook

Articoli correlati per categorie




Se ti è piaciuto l'articolo,iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

3 commenti:

  1. Dai tuoi scritti apprendo cose a me poco note, davvero grazie. Affronterai anche il teatro sotto i tentativi di socialismo? L'argomento mi interesserebbe.
    Un saluto.

    P.S. Sto per pubblicare le successive parti
    su Svankmajer.;)

    RispondiElimina
  2. beh, in Russia sicuramente il 1917 è stata una data decisiva anche per il teatro, molti artisti vennero esaltati mentre altri vennero oscurati. Mejerchol'd fu ucciso, come ho scritto in un'altro articolo.

    appena compariranno gli aggiornamenti in bacheca mi farò vivo sul tuo blog.

    RispondiElimina
  3. FreedomPop is Britian's #1 ABSOLUTELY FREE mobile phone provider.

    Voice, SMS & data plans costing you £0.00/month (100% FREE).

    RispondiElimina

è accettato ogni tipo di commento, soprattutto se in disaccordo con il contenuto del post. I commenti che contengono offese personali (a chiunque siano dirette) verranno cancellati.